Aiutare i tuoi clienti a rimanere al passo con la loro strategia SEO non è mai stato facile. Ma sta diventando più difficile.

Le parole chiave erano l’essenza e la fine della SEO. Se i siti dei tuoi clienti contenessero abbastanza parole chiave, indirizzeresti costantemente il traffico. Semplice. Sfortunatamente, ciò ha portato le aziende a cercare di ingannare il sistema con il riempimento di parole chiave.

Ecco perché Google ha trascorso gli ultimi anni ponendo maggiore enfasi sull’analisi comportamentale anziché solo sulle parole chiave.

Questa tendenza è ora completamente giunta al culmine, il che significa che è fondamentale concentrarsi principalmente sull’analisi comportamentale dei tuoi clienti quando cerchi di ottimizzare la loro SEO. Ancora di più oggi a causa del COVID: con l’aumento della concorrenza online, i clienti si rivolgono alla SEO come leva per le entrate.

Allora, da dove inizi? E su cosa dovresti concentrarti per costruire solide strategie SEO per i tuoi clienti?

Rispondiamo a queste e altre domande nel nostro eBook, “Perché devi ripensare al tuo approccio SEO nel 2021”.

Ecco un’anteprima degli approfondimenti che puoi aspettarti.

Lupa con conceptos de seo Foto gratis

L’ascesa dell’analisi comportamentale

Nell’ultimo decennio, Google ha spostato i suoi obiettivi verso la comprensione dell’intento di ricerca e la priorità della SEO personalizzata. RankBrain, pubblicato nel 2015, ha aiutato Google a comprendere meglio l’intento di ricerca.

Analizza query long-tail complesse e sconosciute e le collega ad altre query di ricerca che ha incontrato in precedenza, legando una ricerca sconosciuta a frasi note (e agli argomenti correlati a queste frasi).

Quando un ricercatore fa clic su un particolare collegamento, RankBrain valuta varie metriche come “frequenza di rimbalzo” o “tempo trascorso sulla pagina” per discernere quanto fosse soddisfatto dei risultati con cui ha interagito.

Se l’utente non sembra soddisfatto, l’algoritmo lo prenderà in considerazione e regolerà i risultati visualizzati la prossima volta che il ricercatore avrà questa particolare query. Nel tempo, i siti percepiti come i più preziosi salgono al vertice.

BERT, scatenato nel 2019, ha compiuto un ulteriore passo avanti. Per ogni ricerca, analizza sia le parole chiave stesse che le parole circostanti che sono state incluse. Questo aiuta a comprendere meglio il contesto dietro queste parole (il significato dell’intera fase) in modo che possa fornire ai ricercatori SERP più accurate e più preziose.

L’aggiornamento di gennaio 2020 di Google ha mostrato il suo continuo impegno a passare dalla SEO basata su parole chiave. Ha spiegato che le aziende che cercano di salire ai vertici delle SERP dovrebbero seguire l’approccio E.A.T (competenza, autorità e affidabilità) a favore delle sole parole chiave.

Coloro che hanno ignorato questo consiglio non solo sono rimasti indietro agli occhi dell’ultimo aggiornamento di Google ma, cosa ancora più critica, non sono riusciti a fornire agli utenti informazioni preziose e così rapidamente sono rimasti indietro rispetto ai loro concorrenti più esperti di SEO.

La semplice ottimizzazione delle parole chiave ha iniziato a deteriorarsi con il rilascio di Hummingbird e da allora è in lento declino. Se la tua agenzia ha in genere fatto affidamento su tattiche SEO secolari basate su parole chiave, probabilmente hai visto il traffico dei tuoi clienti diminuire costantemente sotto i tuoi occhi.

Se questo suona familiare, puoi comunque capovolgere lo script per le strategie SEO del tuo cliente. Ecco tre suggerimenti per iniziare mentre usi la spinta di Google per l’analisi comportamentale per farcela.

Suggerimento 1: concentrati sul ROI, non sul traffico

Quando si tratta di SEO moderno, il traffico non è più il gold standard.

Potresti pensare: “Aspetta – cosa? Voglio dire, guidare il traffico è la ragione principale per cui investi in SEO in primo luogo”. Certo, una volta era vero. Al giorno d’oggi, tuttavia, analizzare il traffico da solo ti farà perdere informazioni preziose.

Pensaci. I tuoi clienti preferirebbero che una landing page attirasse 100 visitatori, nessuno dei quali ha finito per convertire, o preferirebbero attirare cinque visitatori, con tre di loro che convertono?

Il traffico potrebbe far stare bene te e i tuoi clienti, ma spesso può essere solo una metrica di vanità. L’obiettivo finale è attirare visitatori che forniscono valore alla tua attività invece di attirare una tonnellata di visitatori che non si convertono (anche se i tuoi contenuti soddisfano il loro intento di ricerca).

Il punto? Concentrati sul ROI. E questo significa concentrarsi sull’analisi comportamentale per assicurarsi di attirare il tipo di traffico “giusto”.

Per farlo bene, devi utilizzare l’analisi comportamentale, dati che forniscono approfondimenti sul comportamento dei consumatori online, per decodificare la SEO dei tuoi clienti.

Inizia esaminando ciò che i visitatori di alto valore stanno cercando e restituendolo al contenuto che produci in futuro. Concentrandoti sul ROI, puoi concentrarti su strategie SEO di alto valore.

Suggerimento 2: sostituisci la ricerca per parole chiave con dati proprietari

Guarda, non stiamo dicendo che le parole chiave siano inutili, tutt’altro. Le parole chiave svolgono un ruolo inestimabile nella visualizzazione delle competenze in materia e nella costruzione di un’autorità topica.

Se uno dei tuoi clienti vuole essere conosciuto come il principale studio di ortodonzia della loro zona ma non menziona parole chiave come “Invisalign” o “retainer”, allora i ricercatori potrebbero non credere di essere veramente degli esperti.

Detto questo, le parole chiave non dovrebbero essere il mezzo principale per attirare traffico prezioso e di alta qualità.

È qui che entrano in gioco i dati di prima parte (cioè i dati che i tuoi clienti possiedono sui loro visitatori). Sollevano il coperchio sui visitatori, rivelando cosa stanno cercando e come hanno interagito con il tuo sito, in altre parole, se hanno trovato quello che stavano cercando.

Prendiamo l’esempio di ortodonzia menzionato sopra.

Forse il tuo cliente riceve un enorme volume di chiamate da potenziali clienti che vogliono saperne di più sugli fermi: quanto costano, se li prendi prima o dopo l’apparecchio, come dovrebbero prendersene cura e così via.

Analizzando questi dati sulle chiamate di prima parte, identifichi un enorme divario nell’attuale strategia di contenuto del tuo cliente, quindi lavori con loro per creare una pagina di domande frequenti onnicomprensiva.

I risultati? Attirano più traffico, aumentano le SERP e conquistano più clienti.

Naturalmente, potresti pensare che versare manualmente le trascrizioni delle chiamate dei tuoi clienti richieda troppo tempo. Tu non hai torto. Fortunatamente, gli strumenti di tracciamento delle chiamate (come CallRail) ti consentono di analizzare automaticamente le trascrizioni delle chiamate in pochi clic.

Conversation Intelligence sfrutta l’intelligenza artificiale per trascrivere le chiamate mentre Call Highlights rivela i termini chiave menzionati dal chiamante che potrebbero essere preziosi per la tua attività.

Suggerimento 3: dai priorità alla conservazione

È stato detto che costa cinque volte di più acquisire un nuovo cliente che mantenerne uno. Ecco perché è così importante che i tuoi clienti investano nella creazione di contenuti post-acquisizione.

Non solo potenzieranno il loro gioco SEO, ma aumenteranno anche drasticamente i loro tassi di fidelizzazione.

Ma come fai a sapere da dove cominciare? Né tu né i tuoi clienti potete semplicemente premere un pulsante e riprogettare miracolosamente il loro sito per dare priorità alla conservazione. Ciò richiede un grande sforzo e, soprattutto, significa che i tuoi clienti devono ascoltare i loro clienti.

Hanno bisogno di capire che cosa li ha spinti al loro sito in primo luogo.

Devono scoprire cosa non piace ai clienti del loro sito allo stato attuale delle cose: con cosa stanno lottando, cosa li frustra e dove lottano per acquisire informazioni chiave che li aiuteranno a risolvere i loro particolari punti deboli, anche dopo che hanno ho convertito.

Solo perché un cliente ha acquistato i prodotti dei tuoi clienti non significa che abbia risolto tutti i suoi problemi. Né significa che i tuoi clienti abbiano fatto tutto il possibile per mantenere questo cliente nel lungo periodo.

Le aziende di maggior successo si concentrano altrettanto (se non di più) sulla fidelizzazione dei clienti esistenti piuttosto che sul semplice attrarne di nuovi.

E la parte migliore è che la chiave per mantenere i clienti su larga scala risiede in un posto inaspettato: le tue chiamate. Strumenti come CallRail possono registrare e analizzare istantaneamente migliaia di chiamate, sfruttando strumenti basati sull’intelligenza artificiale per scoprire rapidamente informazioni critiche.

Questo mostrerà ai tuoi clienti con cosa stanno lottando i loro clienti, cosa stanno cercando e come possono alla fine mantenerli nel lungo periodo.

Gli effetti saranno profondi. I tuoi clienti attireranno più traffico man mano che i clienti esistenti tornano sul loro sito in massa per trovare risposte alle loro domande post-acquisizione. Ridurrai le chiamate in entrata agli agenti, il che significa che potranno dedicare le loro energie ad altri clienti.

Ancora più importante, i tuoi clienti trasformeranno i loro tassi di fidelizzazione, portando a un miglioramento dei profitti