Il traffico conta. Più traffico genera il tuo sito web, maggiori sono le tue possibilità di catturare l’interesse dei visitatori, incoraggiare l’azione degli utenti e generare vendite.

Quindi non sorprende che il traffico rimanga una priorità assoluta, indipendentemente dal tipo di sito che gestisci.

Come notato da un recente articolo di Forbes, tutto, dalle specifiche strategie di ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) ai contenuti contestualmente rilevanti, può aiutare ad aumentare i volumi di traffico e aumentare le metriche chiave, mentre le attrazioni più tecniche del traffico come la riduzione dei ritardi di caricamento delle pagine e il miglioramento dell’esperienza utente sui dispositivi mobili i dispositivi possono anche migliorare l’impatto del tuo sito web.

Il potenziale svantaggio? Queste tattiche per aumentare il traffico non sono soluzioni rapide. Richiedono tempo e impegno per fornire risultati costanti e non sono garantiti.

I siti di scambio di traffico del sito web offrono una soluzione presumibilmente rapida per fornire un aumento delle impressioni e aiutare i tuoi click-through a scalare le classifiche, ma come notato da Google, comportano anche un rischio significativo “perché possono portare a clic o impressioni non validi e il risultato nel tuo account essere disabilitato. ”

Ecco cosa devi sapere sui siti di scambio di traffico del sito web, su come funzionano e sui segnali di allarme che li rendono un non-starter per il traffico sostenuto nel tempo.

Cos’è uno scambio di traffico del sito web?

L’idea alla base di uno scambio di traffico su un sito web è semplice: Fai qualcosa e ottieni qualcosa in cambio.

In questo caso, ciò che stai facendo è visitare i siti web di altri titolari di attività e loro in cambio visitano il tuo. La teoria sostiene che con un numero sufficiente di visite il tuo sito inizierà a scalare le classifiche di ricerca pertinenti e alla fine attirerà più traffico organico sulla tua strada.

A prima vista, questa non sembra una cattiva idea: dal momento che i proprietari di siti web vogliono tutti la stessa cosa: il traffico, perché non unirsi e utilizzare la potenza del Web in generale per un guadagno collettivo?

Ma i problemi sorgono quando il traffico si allontana dalle visualizzazioni organiche e dal coinvolgimento degli utenti che i motori di ricerca sono ora progettati per rilevare. Poiché stai visitando i siti il ​​più rapidamente possibile per generare il loro traffico e ottenere lo stesso in cambio, le impressioni del tuo sito web sono leggere e fugaci; non c’è coinvolgimento con i contenuti e nessun contesto per la visita.

Man mano che i motori di ricerca diventano più sofisticati, nel frattempo possono rilevare questa mancanza di legittimità e penalizzare il tuo sito per questo.

Comprensione dei siti di scambio del traffico del sito web

Il fattore di forma più comune per queste opzioni di scambio di traffico è come siti web di scambio di traffico. Fai una rapida ricerca su Google e ne verranno visualizzate dozzine, tutte con servizi ad alto volume e a basso rischio.

Questi siti Web sono semplicemente gruppi di proprietari di siti Web che accettano tutti di visitare gli altri siti nell’elenco e in cambio di visitare i propri siti. Alcuni sono liberi di iscriversi e hanno centinaia o migliaia di siti elencati; altri sono a pagamento e possono supportare milioni di siti in tutto il mondo.

Mentre i siti più piccoli in genere funzionano su un modello uno a uno – visiti un sito Web e ricevi una visita in cambio – operazioni più grandi possono imporre un rapporto di visualizzazione del sito, soprattutto se il tuo sito è appena iniziato. Ad esempio, se il tuo rapporto è 0,5, devi visitare due siti prima di ricevere una visita in cambio.

Per aiutare le aziende più piccole a migliorare il proprio profilo più rapidamente, molti di questi siti di scambio di traffico di siti Web offrono ora opzioni a pagamento che promettono di fornire una certa quantità di visitatori digitali in un determinato periodo di tempo. Possono anche organizzare concorsi o promozioni a cui i membri del gruppo possono partecipare (gratuitamente oa pagamento) che aumenteranno il loro moltiplicatore di traffico e presumibilmente li avvicineranno alla parte superiore delle ricerche pertinenti in prima pagina.

Perché non dovresti utilizzare i servizi di scambio del traffico

Finora, questi siti di scambio di traffico non sembrano un’idea terribile: ricevi traffico gratuitamente o a pagamento e fornisci traffico ad altri siti.

Ma ecco il problema: come notato da Google, il loro programma AdSense proibisce in modo specifico qualsiasi mezzo artificiale per generare impressioni o clic: se si scopre che il tuo sito web utilizza questi metodi, il tuo profilo AdSense potrebbe essere sospeso e il tuo ranking di ricerca diminuirà.

Sebbene i siti di scambio di traffico del sito web utilizzino un modello leggermente diverso per fornire click-through e impressioni dei visitatori, possono creare segnali d’allarme simili per i motori di ricerca più diffusi, causando a loro volta un arresto anomalo del ranking di ricerca del tuo sito.

C’è anche il problema più ampio del traffico organico e contestuale. Il tuo obiettivo finale è attirare visitatori con contenuti del sito web pertinenti che guidano azioni specifiche, come l’iscrizione a una newsletter, la compilazione di un modulo di contatto o effettuare un acquisto. Il raggiungimento di questo obiettivo richiede due cose: ricerche organiche che restituiscono il tuo sito web come risultato principale e contenuti contestuali e orientati al valore che creano coinvolgimento dei consumatori

I siti di scambio di traffico forniscono la prima parte di questa equazione, poiché ai membri del gruppo possono essere fornite parole chiave specifiche da inserire che restituiscono il tuo sito e aumentano le classifiche di ricerca. Ma non sono all’altezza nella seconda metà, poiché questi non sono veri visitatori, ma altri membri del gruppo che fanno clic e poi rimbalzano mentre aspettano che tu restituisca il favore.

Ciò crea un problema per gli algoritmi dei motori di ricerca intelligenti che notano l’aumento del traffico e una mancanza di coinvolgimento proporzionata, a sua volta contrassegnando in rosso il tuo sito e potenzialmente danneggiando il ranking della ricerca.

Se i servizi di scambio del traffico del sito Web non sono un punto di partenza, cosa possono fare i proprietari del sito per aumentare il traffico, generare più lead e fornire ROI?

Alcune delle opzioni più efficaci includono:

  • Creazione di contenuti pertinenti
  • Acquisto di annunci mirati
  • Scrivere i post degli ospiti
  • Acquisizione di backlink migliori
  • Riutilizzo di vecchi asset

Il contenuto curato e sensibile al contesto è importante per migliorare le metriche del traffico. Ciò significa creare layout e risorse del sito Web pertinenti per il pubblico di destinazione e fornire informazioni utilizzabili sui prodotti, posizione di mercato o prezzi unici.

La stampa gratuita è ottima, ma non è sempre facile da trovare. Di conseguenza, vale la pena fare le tue ricerche e acquistare uno spazio pubblicitario mirato sulle piattaforme social preferite dai tuoi buyer personas. Ad esempio, se trovi un numero significativo di gruppi di Facebook dedicati a discussioni su prodotti o servizi nel tuo settore, vale la pena considerare una spesa pubblicitaria mirata per attirare l’interesse specifico degli utenti.

Molti proprietari di siti Web sono esperti nel loro campo, il che li rende autori ideali per i post degli ospiti su blog o siti più popolari. Inizia contattando gli amministratori del sito chiedendogli di scrivere un guest post con l’avvertenza che includeranno un link al tuo sito. Ciò ti consente di sfruttare pool di traffico più grandi senza pagare per i siti di scambio di traffico.

A proposito di backlink, vale la pena provare a generare il maggior numero possibile di backlink fantastici. Inizia con una rapida ricerca del tuo marchio, dei nomi dei prodotti e dei servizi: se li vedi menzionati nei risultati di ricerca ma non collegati, contatta l’autore e chiedi un backlink. Vale anche la pena controllare i termini più cercati nel tuo verticale di mercato; se riesci a catturare queste ricerche con i contenuti sul sito, c’è il potenziale per proteggere i backlink sugli articoli e gli elenchi “best of” più popolari.

Hai dei contenuti che non utilizzi più, ma questo non significa che siano inutili. Anche se semplicemente ripubblicarlo non genererà nuovo traffico, puoi riutilizzare le risorse popolari in qualcos’altro. Ad esempio, un post di un blog ben funzionante potrebbe essere trasformato in un video o servire come punto di partenza per una discussione, mentre un white paper potrebbe vedere la nuova vita come un’infografica con statistiche aggiornate.

La linea di fondo? Più traffico significa migliori classifiche di ricerca e maggiore coinvolgimento degli utenti sul tuo sito web.